EMOTIONAL INTELLIGENCE WEEK: Competenza V e VI

L’Emotional Intelligence Week è una settimana da me dedicata all’approfondimento dell’intelligenza Emotiva per diffondere i concetti fondamentali e spiegare l’importanza di allenarla per la nostra vita

La quinta e sesta competenza si riferiscono all’area del modello dell’Intelligenza Emotiva del “Gestisci te stesso”.

COMPETENZA 5: TROVARE LA MOTIVAZIONE INTRINSECA

La motivazione intrinseca è quella interna, che viene esclusivamente da noi. Trovare la motivazione intrinseca vuol dire quindi scoprire e impegnare un’energia basata sui nostri valori personali e interessi, che ci spinge a cambiare, crescere e ad agire.

Chi ha questa capacità poco sviluppata richiede conferme esterne per essere motivato, come riconoscimenti, lodi, ricompense oppure la paura di essere punito o non riconosciuto. Inoltre può essere facilmente influenzato dagli altri.

Non è sbagliato voler avere il riconoscimento esterno, ma avere una motivazione interna più forte ci aiuta ad essere più sicuri di noi stessi, indipendenti. E inoltre la motivazione intrinseca è più duratura.

ESERCIZIO: MOTIVAZIONE INTRINSECA

Pensa all’ultima volta in cui ti sei sentito motivato e appunta sul tuo quaderno delle emozioni:

  • Cos’hai fatto?
  • Da dove veniva la tua motivazione?
  • Perché era importante per te?
  • Quanto della tua motivazione era dovuto ad altre persone?

COMPETENZA 5: ESERCITARE L’OTTIMISMO

Essere ottimisti in questo caso non vuol dire “vedere la vita con gli occhiali rosa” ma piuttosto avere una prospettiva di scelta e altre opportunità. L’ottimismo ci consente di andare oltre la situazione che stiamo vivendo in questo momento e poter pensare che siamo in grado di cambiare le cose e muoverci verso il futuro che desideriamo. È essere più proattivi nella vita, vedere più opzioni e opportunità per superare ostacoli e avversità, essere innovativi e problem solver.

Chi ha un punteggio basso in questa competenza può essere portato a sentirsi un po’ “vittima”. Quando si scontra con delle sfide tende ad affidare la responsabilità all’esterno di sé, gli altri o le circostanze esterne, piuttosto che cercare di agire per risolverle tende a vedersi come impotente. Tende a rimanere focalizzato sul problema invece che cercare le soluzioni.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *